Pianeta Cacao

Quest’anno a Cioccoshow una grande novità: il Pianeta Cacao!

All’interno di un’area di 18 mq, abbiamo pensato di raccontare le origini del cacao, ricreando un percorso che porterà i visitatori a scoprire le origini del cacao e non solo.Camminando su un pavimento di terra e foglie o di erba sintetica, potrete vedere da vicino le vere piante del cacao, alte circa due metri, sentire il profumo delle cabosse, utilizzare il matete per ridurre le fave in pasta e infine assaggiarle, portandovi a casa un sacchetto di fave tostate come ricordo dell’esperienza.

1. L’albero del cacao


Il cacao arriva direttamente da un albero sempreverde che porta il nome di Theobroma cacao. Cresce in zone Equatoriali calde ed umide e può raggiungere un’altezza di 6 metri e vivere anche più di 100 anni.

l'albero del cacao | cioccoshow

2. Raccolta cabosse


La bacca di cacao, nota come cabossa, viene raccolta due volte l’anno, dagli alberi per estrarre le fave ancora crude da lavorare.

Raccolta cabosse | cioccoshow

3. La fermentazione


Le fave di cacao crude coperte di una melassa bianca vengono posizionate per 2/6 giorni in contenitori di legno, dove si attiva la fermentazione. Importante è rimescolarle di tanto in tanto.

la fermentazione | cioccoshow

4. L’essiccazione


Una volta raggiunta la giusta fermentazione, le fave distese su graticole o teli sono esposte al sole per l’essiccazione.

Essiccazione Fave | cioccoshow

5. I sacchi di Juta


L’ultima fase della lavorazione del cacao è il confezionamento delle fave essiccate, pronte per essere spedite ai cioccolatieri in tutto il mondo.

Sacchi di Juta | cioccoshow

6. Il matete


Il Matete è la pietra che si usava già ai tempi dei maya per raffinare le fave di cacao e ottenere le prime bevande al gusto di cacao.

Il matete | cioccoshow

Media Partner

Sponsor tecnici

In collaborazione con

Con il patrocinio di